Max Bavieri

“Max”, è una icona del pattinaggio internazionale, il cui curriculum è talmente lungo e vario che abbisognerebbe di un libro, cercheremo qui di farne un riassunto, ma è quasi impossibile.

 maestro e coach:

Maestro di pattinaggio federale con attestato conseguito nel 1993, allenatore di primo livello di pattinaggio corsa e di downhill.
Ha avuto la sua prima classe all’età di 16 anni, dimostrando da subito un talento innato per l’infanzia e l’insegnamento. In pratica insegna pattinaggio dal 1984, tempo in cui ancora il pattino in linea nemmeno esisteva (l’arrivo in Italia di questo attrezzo è nel 1992).

Quasi 40 anni di esperienza, e particolarmente esperto con i bambini che lo adorano letteralmente.

Le sue capacità di allenatore sono state apprezzate anche all’estero.

L’ultima esperienza internazionale nel 2019 come coach della selezione nazionale di alpine e downhill del Cile ai World Roller Games di Barcellona.

Curriculum da atleta:

Ha rappresentato l’Italia in tante discipline anche diverse fra loro, tutte accomunate dai pattini: hockey, downhill, maratona, skate-cross e slalom, gareggiando in mezza Europa ed inoltre, Tunisia, Messico, Cina e Giappone.
Nel 1998 nella giornata di gala del campionato mondiale di velocità (a cui per ironia del destino era presente anche l’attuale collega Ricardo Escalante con la nazionale del Cile), durante una esibizione, registrò un nuovo record mondiale in una specialità di saltoacrobatico detta “carré” (115 asta sotto + 169 asta sopra, dato tecnico).

Campione nazionale master di Skate slalom in carica 2019.

internazionale

Nazioni in cui Max ha gareggiato:

Austria, Cina, Croazia, Francia, Germania, Giappone, Italia,  Messico, Olanda, Polonia, Spagna,  Slovenia,  Svizzera, Tunisia.

Curriculum da dirigente:

Max è il presidente e manager di ASD Rollershow, ma è attualmente anche il coordinatore nazionale di AICS per il settore Rollerball nonché coordinatore mondiale e responsabile provinciale di Verona del pattinaggio in linea.

Nel 2018 è stato vicepresidente mondiale della IIDA (associazione Downhill che organizza la coppa del mondo), facendo l’ufficiale di gara delle tappe di Messico e Spagna.

Oggi collabora con FR skates come testimonial della prestigiosa marca di pattini francese, e con WSX il circuito mondiale di Skate Cross.

Organizzatore

Ha ideato e diretto l’organizzazione del campionato mondiale assoluto congiunto delle sigle IIDA e WSX di skate cross downhill nel 2018 a Peschiera del Garda sua città.
Nel 2002 ha organizzato il mondiale FIRS di Downhill a Belluno.
Ideatore e sviluppatore della disciplina del Roller-cross (evolutasi poi in skate cross a livello mondiale), disciplina oggi riconosciuta e che gode di un’ampia partecipazione, che per la prima volta venne inserita in una manifestazione nel 1996, e che nel 2021 sarà ammessa ai WRG di Buenos Aires.
A lui si devono pietre miliari dello sviluppo dell’inline in Italia con manifestazioni come Rollerfest Roma, Mooskater contest e tante altre.
A lui si deve la diffusione e sviluppo del freestyle in Italia negli anni ’90 con una infinita serie di esibizioni con atleti stranieri su tutto lo stivale con il “Roller Creative Show” uno spettacolo itinerante che è stato anche ingaggiato da diverse televisioni nazionali, condizione questa che ha permesso nostra nazione di accedere a questa disciplina presto, quasi in contemporanea con le altre europee di spicco, così da essere oggi la tradizionale potenza internazionale che è.

Curriculum nello show business:

Roller Show non è un nome a caso!
Questa scuola e squadra sportiva nasce dalla esperienza del “roller creative show” uno spettacolo acrobatico, quasi circense, che è stata per un decennio (prima di aprire la scuola) la professione di Max, il quale annovera fra i suoi clienti nomi altisonanti come Gardaland, Diesel Jeans, Scorpion Bay, Acqua Vera, Caldaie Riello, Iveco… e tanti altri grossi nomi.
Nel 1998 questo show (unito alla prova pattini per tutti) è stato scelto per fare l’animazione pomeridiana al concerto degli U2 all’aeroporto dell’Urbe di Roma (80mila spettatori).
Lo show era sempre in tournée ed ha girato l’Europa dall’Olanda alla Sicilia, riempiendo piazze, fiere, discoteche di pubblico entusiastico, come il capodanno animato per il comune di Roma in piazza del popolo (100mila persone stimate).
Questa popolarità e professionalità è sfociata anche nella televisione (oltre a quelle italiane anche di Olanda e Croazia), dove Bavieri veniva invitato a fare delle performances o a parlare del mondo roller come “espertone”:
“uno mattina”, “scommettiamo che?!?”, “Sereno variabile”, “Vivere bene”, e tantissime altre. Dalla TV al cinema il passo è stato breve, e nel 2001 lavora per Vodafone alla realizzazione di un famoso spot che faceva il passaggio di Brand da Ominitel a Vodafone (girato mezzo a Bilbao e mezzo a Cinecittà) con l’attrice e modella australiana Megan Gale, alla quale Max ha fatto da istruttore per le scene sui roller, e da selezionatore e coach delle controfigure. Guardalo qui.
Ma non è l’unico VIP a cui max ha dato i primi rudimenti di tecnica di pattinaggio, infatti anche la vedette Samatha De Grenet e il giornalista del TG RAI, Tiberio Timperi, hanno messo i roller per la prima volta con Max.

il Magazine e la carta stampata:

Oltre alla TV anche la carta stampata si è interessata a lui con articoli e interviste in ogni ambito. Nel magazine “Men’s Health” o “sport di più” o “Gazzetta dello Sport” viene proprio intervistato come esperto per dare consigli di approccio.
Ma rimanendo in tema editoria il gioiello di Max è la prima rivista italiana di pattinaggio in linea mai andata in edicola che è “SportIN LINE Magazine” fondata e diretta da lui per 5 anni (prima di dedicarsi allo show business), che senza ombra di dubbio ha creato e sviluppato l’attuale movimento in-line nazionale.